So Ham, il mantra sacro del respiro.

L’attività mentale è incessante. La mente continuamente discute con se stessa e si logora su cose che non esistono più, ma altrettanto immagina avvenimenti che devono ancora accadere, distorcendoli con ansia e paura.

In questo modo le energie nervose si consumano, e l’energia vitale viene dispersa inutilmente, proprio quell’energia che dovremmo impiegare per progredire in tutti i sensi nella vita .

L’attività mentale disordinata crea nel corpo una serie di tensioni e contrazioni, dei muscoli e degli organi: la fronte è contratta e spesso le sopracciglia sono aggrottate, i denti spesso sono serrati, le spalle sono contratte, le mani stringono con più forza del necessario.
Ultimo, ma più importante: il respiro spesso è trattenuto, superficiale e corto.

Lasciamo allora affiorare “So – Ham”, il mantra sacro del respiro.
Inspirate consapevolmente pensando al suono “So”, ed espirate profondamente pensando al suono “Ham”.
Osservate come così facendo le tensioni diminuiscono e il respiro diventa spontaneamente più profondo e consapevole.

Continuate per alcuni minuti fino a che il mantra si ripete da sé; So-Ham è l’essenza sottile del respiro …mettendosi in ascolto si sente che il respiro ripete SSSOOO inspirando e HAAAAMMM espirando.
Perché il mantra si attivi è dunque importante mettersi all’ascolto del respiro e ripetere il suo suono fino a che non ci diventa familiare.

I momenti migliori per ripeterlo sono proprio quelli in cui avvertiamo la tensione, quando ci sembra che una certa situazione ci stia sopraffacendo o prendendo un po’ troppo la mano, quando è più che mai necessario mantenere la nostra lucidità. Bastano un paio di minuti durante la giornata ogni volta che sentiamo la necessità di ritornare dentro noi stessi, per dare un momento di quiete alla mente…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *